Quotidiani locali

Guerriglia per salire sui bus

Altra giornata "nera" per i trasporti cittadini, con utenti costretti ad attese lunghissime per salire a bordo di autobus stracolmi. Se le reazioni dei pendolari giá registrate nei giorni scorsi erano state veementi e numerose, la situazione che nelle scorse 24 ore hanno vissuto conducenti e personale di servizio ha confermato i livelli di esasperazione raggiunti. Molte le persone che hanno preso di mira gli autisti dei mezzi. E il sindacato chiede alla Prefettura maggiori controlli

SALERNO. Attese lunghissime, autobus stracolmi, passeggeri inviperiti. Parte da qui la seconda giornata "nera" per il trasporto cittadino a Salerno. Se le reazioni dei pendolari giá registrate nei giorni scorsi erano state veementi e numerose, la situazione che ieri hanno vissuto conducenti e personale di servizio ha confermato i livelli di esasperazione raggiunti.  Giá dalle prime ore di servizio, e cioè nella fascia oraria che va dalle 7 alle 9, erano decine i cittadini che aspettavano l’autobus per raggiungere il loro posto di lavoro o le loro destinazioni. Due le zone in cui si sono registrate le maggiori difficoltá: la parte orientale in direzione centro, con le linee 12 e 5 praticamente sovraffollate. E poi la zona stazione centrale-piazza della Concordia, con centinaia di pendolari in attesa.

Nello specifico, la 12, che da Sant’Eustachio porta fino a Mercatello e alla stazione, è partita giá dalle prime corse praticamente piena. A tal punto che alcuni autisti non hanno potuto fare tutte le fermate, perché a bordo dei mezzi non c’erano posti a disposizione. Cosa che ha fatto scattare i nervi delle persone che aspettavano, in alcuni casi con il lancio di oggetti contro i bus. Episodi analoghi sono avvenuti anche a bordo della linea 6, che da via Ligea porta ai quartieri Europa ed Italia. «Abbiamo più volte sollecitato la Prefettura sul rischio che ci sarebbe stato anche per la sicurezza pubblica - dice Amedeo D’Alessio, delegato della Filt Cgil - ogni giorno è sempre più difficile».

Ed un appello ai pendolari lo ha fatto anche Vito Luciano, segretario Filt Cgil: «I cittadini devono protestare assieme ai lavoratori contro questi tagli scellerati, non devono prendersela con chi non ha responsabilitá». Da domenica, poi, partiranno anche i nuovi orari "tagliati" dei festivi per le linee 2/20 (via Ligea-Sordina), 13 (Pastena-Ogliara), 14 (stazione-cimitero), 15 (stazione-sala Abbagnano-casa Manzo), 25 (stazione-ospedale San Leonardo), 28 (stazione-rione Petrosino-casa Manzo), 39 (stazione-ospedale Da Procida-Seripando), e la nuova linea 40 (stazione-via Ligea).

Diletta Turco

© riproduzione riservata

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Salerno Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia la Città di Salerno
su tutti i tuoi
schermi digitali. 2 mesi a soli 14,99€

ATTIVA Prima Pagina
ilmiolibro

Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana